Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Dicembre 2014

De “cupola” qui c’è solo San Pietro

De “cupola” qui c’è solo San Pietro

***

‘Na cosa me fa schifo e nun sopporto

ch’è guasi peggio de la mafia stessa,

sentì affiancà a ROMA come impressa

quarch’espressione che me dà sconforto.

***

ROMA nun è mafiosa e me interessa

aribbadillo ché subbisco un torto

in quanto cittadino e nun abborto

de quarche strano impiccio in cui l’ha messa…

***

… chi manco è nato a ROMA e mó se spaccia

pe un boss da romanzo criminale,

ma de romano in lui nun c’è ‘na traccia.

***

Perciò ma quale mafia capitale,

sciacquateve la bocca e poi la faccia,

chi inzurta ROMA possa finì male!

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Na cosa me fa schifo e nun sopporto
    ch’è guasi peggio de la mafia stessa,
    sentì affiancà a ROMA come impressa
    quarch’espressione che me dà sconforto. … (continua)

    Comment by Stefano — 10 Dicembre 2014 @ 08:13
  2. Roma città nostra è anche città aperta! Aperta perché accoglie tutti, anche i ladri, i corrotti, i mafiosi: la loro identità però non è certo la romanità, bensì la criminalità! Insomma… nun so’ romani, so’ criminali!!!

    Comment by Silvio — 10 Dicembre 2014 @ 10:59
  3. Roma mafiosa, Roma ladrona… ma andatevene a casa vostra, e lavatevi la bocca con l’acido muriatico, che i Romani sono un’altra cosa!

    Comment by letizia — 10 Dicembre 2014 @ 11:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>