Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Dicembre 2016

‘Gni fine d’anno

‘Gni fine d’anno

***

’Sta fine d’anno, come tutti l’anni,

è tempo de bilanci e conzuntivi,

a vorte boni, a vorte più cattivi,

seconna de le gioie o de l’affanni.

***

Se cerca sempre d’èsse positivi,

armeno ce se metteno li panni,

ché pure guai, impicci, buffi e danni,

se ponno ariccontà solo tra vivi.

 ***

Ché si è più giusto mó fasse l’auguri,

speranno in un futuro più felice,

in giorni più tranquilli e meno duri…

 ***

… de certa ce sta poi ’sta direttrice:

che ’st’anno, pure in mezzo a chiaroscuri,

sto ancora qua …. e ’st’artro chi lo dice ?!?!?

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

  1. ’Sta fine d’anno, come tutti l’anni,
    è tempo de bilanci e conzuntivi,
    a vorte boni, a vorte più cattivi,
    seconna de le gioje o de l’affanni. … (continua)

    Comment by Stefano — 30 Dicembre 2014 @ 08:04
  2. Bon pomeriggio. E’ la vita; più l’anni passeno e più ce scordamo quelli passati. Comunque conta pure er fatto che ‘gni anno diventamo sempre meno gioveni e la vita perde resistenza, quindi tendemo ar pessimismo. Famose forza e cercamo de sta conenti pure co er “GENTILRENZI”. Hai da vede’ che ber 2017 ce sta aspetta’.
    Nun famo pessimismo e speranno che le cose cambieno(?) famose li consueti auguri de BON 2017 e che Dio ce protegga.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 30 Dicembre 2016 @ 14:44
  3. Importante è “vivere”, tutto il resto si può affrontare!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 30 Dicembre 2017 @ 09:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>