Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

16 Marzo 2019

Trilussa – Er marito filosofo

Er marito filosofo

***

Se pò sapé che diavolo j’ho fatto?

Fra mi’ moje, mi’ socera e mi’ fija,

ciò contro tutta quanta la famija,

fórze ce l’ha co me perfino er gatto.

***

Si a cena, Dio ne guardi, faccio l’atto

de protestà, succede un parapija,

come me movo, vola ‘na bottija,

appena ch’apro bocca, vola un piatto.

***

Poi, tutt’e tre d’accordo vanno via,

allora resto solo e piano piano,

scópo li cocci e faccio pulizzia.

***

Finché arivato a l’urtimo pezzetto,

m’accènno mezzo sigaro toscano,

strillo: Viva l’Italia … e vado a letto.

***

Trilussa

__________________________

***

  1. Se pò sapé che diavolo j’ho fatto?
    Fra mi’ moje, mi’ socera e mi’ fija,
    ciò contro tutta quanta la famija,
    fórze ce l’ha co me perfino er gatto. … (continua)

    Comment by Stefano — 10 Gennaio 2015 @ 05:46
  2. Certo che da una famiglia così l’unica cosa da fare è fuggire! comunque non si è mai sposato.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Febbraio 2018 @ 09:54
  3. Grandissimo Trilussa! Sempre ficcante e sorprendente a rendere una situazione, sembra quasi di vederla

    Comment by Pablo Bighorn — 17 Febbraio 2018 @ 22:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>