Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Gennaio 2015

Un lunedì de gennaio inortrato

Un lunedì de gennaio inortrato

***

Si er lunedì fa schifo pe natura,

quann’è dopo le feste de Natale,

cià er record de schifezza colossale

che nun te ne curà, nun cià misura.

***

Cercannoje un inzurto congegnale,

nun ce n’è uno pe ‘sta gran tortura,

er lunedì a gennaio è essenza pura

de zozzeria degna de stà ar pitale.

***

Abbituato a feste ‘gni tre giorni,

com’era ner periodo natalizzio,

sto già a contà qui er tempo perché torni.

***

Me paro sopra l’orlo a un precipizzio

de cui nun vedo fine e li contorni,

ché un artro lunedì cià avuto inizzio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Si er lunedì fa schifo pe natura,
    quann’è dopo le feste de Natale,
    cià er record de schifezza colossale
    che nun te ne curà, nun cià misura. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Gennaio 2015 @ 08:26
  2. Sei propio idiosincratico cor lunedì. La bellezza der lunedì è ‘na cosa ‘ncom
    parabbile; guarda oggi, ‘na giornata de sole che te ‘nvita a anna’ a lavora’ in un ufficio der centro, chiuso ‘ntra du palazzoni che nun te fanno vede’ manco a luce der sole. E’ ‘na cosa meravijiosa, e senza pari.
    Daje che domani è martedì, ma è uguale ar lunedì.

    Comment by 'svardoASR'29 — 12 Gennaio 2015 @ 10:48
  3. Il lunedì lo odi proprio (odi nel senso di odiare non di sentire!): ma c’è il sole, la Magica ha rimontato gli sbiaditi, Totti è sempre er mejo, siamo ancora vivi, ecc. ecc….. che vuoi di più!

    Comment by letizia — 12 Gennaio 2015 @ 11:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>