Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Febbraio 2015

Le tre scimmiette

Le tre scimmiette

***

Ce sò momenti in cui vorebbe èsse

una de le famose tre scimmiette,

pe nun vedé, sentì e parlà e sconnette

la presa fissa a un monno … se spegnesse.

***

Pe nun vedé ‘na vita fatta a fette,

e nun sentì sortanto le promesse,

pe nun parlà, manco in SMS,

de cose e storie che me vanno strette.

***

 E come le scimmiette in quer momento,

da cèco, sordo e muto, guasi bonzo,

cor monno schiaccio “off”, che vor dì spento.

***

Ma poi aritorno lucido da sbronzo,

ringrazzio Dio che vedo e che ce sento,

che parlo … e dico “A Ste’, quanto sei stronzo!”

***

Stefano Agostino

_______________________________

*** 

  1. Ce sò momenti in cui vorebbe èsse
    una de le famose tre scimmiette,
    pe nun vedé, sentì e parlà e sconnette
    la presa fissa a un monno … se spegnesse. … (continua)

    Comment by Stefano — 6 Febbraio 2015 @ 08:40
  2. Ehh come te capisco Stè: tu pensa che io pè nun sentì né vedè nessuno tutte le vorte che posso scappo più lontano possibile a …respirà aria pulita!!!

    Comment by Silvio — 6 Febbraio 2015 @ 11:37
  3. La vita, bella o brutta che sia, va comunque affrontata e vissuta: è un dono di Dio!
    Buona giornata a tutti!

    Comment by letizia — 6 Febbraio 2015 @ 12:27
  4. S’è possibbile dillo, ‘o dico: Ste nun sei er solo a ariva’ fatte sto “serfie” davanti a ‘no specchio. Sapessi quante vòrte io.

    Comment by 'svardoASR'29 — 6 Febbraio 2015 @ 23:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>