Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Febbraio 2015

Er pajaccio

Er pajaccio

***

Che brutto immagginà d’èsse speciale,

pe poi capì de nun valé un ber gnente,

ce sei o nun ce sei, è indiferente,

ce stai o nun ce stai, pe lei è uguale.

***

Credevi d’èsse un Re, tra tanta gente,

e invece sei ‘no zero, tale e quale …

Ammazza che tranvata micidiale!

Ma parla piano, ché sinnò te sente.

***

“Ma chettefrega”, t’aripeti addosso,

“rimettete la maschera d’amico”,

quello che scrive in rima er giallo e er rosso.

***

E che va bene quanno è un momentaccio,

tra un mese, due o tre … guardo e te dico…

e che fa ride come fa er pajaccio.

**

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Che brutto immagginà d’èsse speciale,
    pe poi capì de nun valé un ber gnente,
    ce sei o nun ce sei, è indiferente,
    ce stai o nun ce stai, pe lei è uguale. (continua)

    Comment by Stefano — 17 Febbraio 2015 @ 08:18
  2. L’esperienza insegna a noi maschietti a non prendersela mai troppo per il comportamento di una donna: quella che realmente merita le nostre lacrime non ci farà mai piangere, le altre …stanno bene così! Saggio è anche il fatalismo dei popoli latinoamericani la cui filosofia è “ciò che viene conviene”!

    Comment by Silvio — 17 Febbraio 2015 @ 09:59
  3. M’ariferisco ar “Penziero der giorno”:
    Oggi è “Martedìgrasso” e er carnevale ha da ‘mpazza’co tutte ‘e mascherate der monno, ma domani, so’ ‘e “Ceneri”, e s’ha da princiopia’ a di’ ‘a verità; perciò giovedì ce sarà er controllo, se quelle de domenica ereno maschere o pippe reali.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 17 Febbraio 2015 @ 10:10
  4. Buona maschera a tutti! (ma solo per oggi)

    Comment by letizia — 17 Febbraio 2015 @ 16:12
  5. La donna è mobile
    qual piuma al vento
    muta d’accento
    e di pensier.
    Sempre un amabile leggiadro viso,
    in pianto, in riso, è menzognero.
    La donna è mobil qual piuma al vento,
    muta d’accento e di pensier.
    E’ sempre misero chi a lei s’affida,
    chi le confida mal cauto il core!
    Pur mai non sentesi felice appieno
    chi su quel seno non liba amore!

    Comment by Pablo BigHorn — 17 Febbraio 2015 @ 16:43
  6. Passano i secoli, cambiano i costumi e le circostanze, ma le pene d’amore son sempre le stesse.
    Io sopravvivo prendendola come una partita, con regole non sportivamente equalitarie, ma chiare. E mi regolo di conseguenza.
    Diversi cantautori la pensano come me:
    “Stare insieme a te è stata una partita
    va bene hai vinto tu e tutto il resto è vita”

    “È troppo tempo amore che noi giochiamo a scacchi,
    mi dicono che stai vincendo e ridono da matti.
    Ma io non lo sapevo che era una partita,
    posso dartela vinta e tenermi la mia vita”

    Comment by Pablo BigHorn — 17 Febbraio 2015 @ 16:50
  7. Nun ho voluto commenta’ er poemetto , perché nun me ce aritrovo. Nun ho avuto delusioni tali da rendeme cinico ‘n fatto d’amore. Pe me ce n’è stata una, dar principio a la fine voluta dar Signore.

    Comment by 'svardoASR'29 — 17 Febbraio 2015 @ 17:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>