Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Febbraio 2015

Rotter(inculer)dam

Rotter(inculer)dam

***

Nun me la pìo nemmanco cor demente

de l’umbriacone arancio, l’olandese

che ha imbrattato Roma, e sò cortese,

vorei inzurtallo più pesantemente.

***

Invece me la piò co ‘sto Paese

ch’ha fatto entrà ‘sta zozzeria de gente,

che ha permesso, senza fà un ber gnente,

‘sto schifo de buzzuri co ‘st’imprese.

***

Macchine rotte, autobus sfonnati,

Piazza de Spagna e sotto a la Barcaccia,

 cocci de vetro e muri arovinati.

***

E invece de fermalli e annaje a caccia,

pe rispedilli da ‘ndó sò arivati,

‘sti stronzi ciàn lassato la lor traccia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Nun me la pìo nemmanco cor demente
    quel’umbriacone arancio d’olandese,
    che ha imbrattato Roma e sò cortese,
    vorei inzurtallo più pesantemente. … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Febbraio 2015 @ 18:00
  2. La calata degli unni, ubriachi e ignoranti. Ringraziamo il governo, il sindaco, il prefetto e tutti i papponi che occupano sedie che non dovrebbero occupare. Per non parlare della uefa e del governo olandese che non ha fatto neanche le scuse all’Italia: non contiamo proprio niente.

    Comment di letizia — 21 Febbraio 2015 @ 10:21
  3. Ciao Letizia, te ne sei accorta adesso che nun contamo gniente? Da mo….!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 21 Febbraio 2015 @ 10:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>