Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Marzo 2015

‘Gni 4 marzo

‘Gni 4 marzo

***

Nun passa un 4 marzo che er ricordo

nun sàrta cor penziero a Lucio Dalla,

“Dice che era un bell’omo” canto a palla

un testo che ciò dentro e che nun scordo.

***

Co la chitara provo a canticchialla,

che più strimpello e si me sbajo accordo,

cambio canzone, ner rumore sordo

de un “Anno che verà” che torna a galla.

***

Eppoi aripenzo a li vocalizzi,

gorgheggi co ‘na voce modulata

che ariva a note che nun ipotizzi.

***

E ne la mente poi ‘na carellata

de musiche e parole da l’inizzi

fin’a l’urtima “Vita” sussurata.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Nun passa un 4 marzo che er ricordo
    nun sàrta cor penziero a Lucio Dalla,
    “Dice che era un bell’omo” canto a palla
    un testo che ciò dentro e che nun scordo. … (continua)

    Comment di Stefano — 4 Marzo 2015 @ 08:28
  2. Grande Lucio. E’ da ieri che me sto a risenti’ le sue canzoni.
    Bello er sonetto commemorativo.

    Comment di 'svardoASR'29 — 4 Marzo 2015 @ 08:54
  3. Molto belle le canzoni di Lucio Dalla, lui è uno dei miei preferiti.

    Comment di letizia — 4 Marzo 2015 @ 09:23
  4. E’ molto pertinente ricordare oggi Lucio Dalla, grande uomo e straordinario cantautore: il suo spirito continua a vivere nelle sue eterne canzoni!

    Comment di Silvio — 4 Marzo 2015 @ 10:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>