Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Marzo 2018

Dar Vangelo der giorno: “er chicco de grano”

Dar Vangelo der giorno: “er chicco de grano”

***

Gesù a li discepoli, a quer punto,

volle spiegaje e bene e chiaro a voce,

de che doveva da morì precoce,

creanno tra de loro disappunto.

***

“Lo so che a voi ve sembra tutto atroce,

ma si er chicco de grano”, prese spunto,

“nun mòre, nun dà frutto e qui è riassunto,

er fatto ch’Io ho da morì su in croce.

***

Chi ama la sua vita in de ‘sto monno

la perderà, ma a chi Me viè appresso

je la conzerverò ortre er gran sonno.

***

È giunta l’ora, e ‘st’ora viè qui adesso,

de rènne gloria a Dio e fino in fonno

la rennerò innarzato ar cèl Io stesso”.  

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Gesù a li discepoli, a quer punto,
    volle spiegaje e bene e chiaro a voce,
    de che doveva da morì precoce,
    creanno tra de loro disappunto. … (continua)

    Comment di Stefano — 22 Marzo 2015 @ 08:07
  2. Non è certo stato semplice per i discepoli capire e accettare di quale terribile morte doveva morire Gesù! E anche io a volte me lo chiedo.
    Buona Domenica.

    Comment di maria letizia — 18 Marzo 2018 @ 12:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>