Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Aprile 2015

Massima allerta

Massima allerta

***

Si questo è er tempo de massima allerta,

allora stamo messi propio male,

co ‘no scocciato ch’entra in Tribbunale

e spara ‘ndó je capita la scerta.

***

Ché a parte er fatto assurdo e criminale

che merita un’analisi più esperta,

in tempi in cui ce tocca stà in coperta,

che pò accadé così nun è normale.

***

Quali controlli e quale sicurezza,

si pò passà tranquilla ‘na pistola,

fin’a arivà a fà danni de ‘st’ampiezza?

***

L’ISIS sta a ariccontà ar passaparola,

 che fà qui er kamikaze è ‘na bellezza …

nun serve né fà corzi e né fa scòla. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Si questo è er tempo de massima allerta,
    allora stamo messi propio male,
    co ‘no scocciato ch’entra in Tribbunale
    e spara ‘ndó je capita la scerta. … (continua)

    Comment di Stefano — 10 Aprile 2015 @ 07:42
  2. Stiamo messi sempre peggio! Ringraziamo le nostre istituzioni: che sta al potere pensa solo ad arricchirsi a scapito dei poveracci.
    Buona giornata a tutti.

    Comment di letizia — 10 Aprile 2015 @ 10:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>