Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Aprile 2015

De chi è la corpa?

De chi è la corpa?

***

È cominciato er tipico balletto

ch’è solito ar politico italiano

de scaricà er barile chiavi in mano

appena tira l’aria der sospetto …

***

… che sta pe arivà già da lontano,

‘na visita indiscreta ‘ndentr’ar retto,

come che sta a succede ner giochetto

tra ANAS e Governo Siciliano.

***

L’asfarto autostradale che s’è aperto,

ché invece der cemento c’era er buro,

de chi è la corpa? “Nun è mia de certo” …

***

… fa er primo a l’artro che, come un siluro:

“Nemmanco mia”, risponne … eppoi l’esperto:

  “Sarà de quarcun artro de sicuro”.

***

E come un vecchio disco de vinile

che gira gira, sona e s’arivorta,

a forza de ‘sto scaricabbarile

nun pagherà nessuno anche stavorta.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. È cominciato er tipico balletto
    ch’è solito ar politico italiano
    de scaricà er barile chiavi in mano
    appena tira l’aria der sospetto … (continua)

    Comment di Stefano — 14 Aprile 2015 @ 08:42
  2. Pagherà il contribuente, come al solito. Che vergogna!

    Comment di letizia — 14 Aprile 2015 @ 12:04
  3. Bon pomeriggio. La corpa è der vento che ha eroso er pilone. Si, er vento de le parole ciancate, appunto, ar vento, da chi aveva segnalato er er rischio de crollo da ortre 10 anni fa. Parole ar vento che hanno trovasto “orecchie da mercante”.
    Come ha sottolignato Letizia, pagherà sempre er popolo Pantalone.

    Comment di 'svardoASR'29 — 14 Aprile 2015 @ 13:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>