Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Maggio 2019

Festa der lavoro

Festa der lavoro

***

È er primo maggio: festa der lavoro,

de chi tribbola e sgobba tutto l’anno,

de chi se suda er posto co l’affanno,

pe un po’ de pane e un sorzo de decoro.

 ***

Ma tanti ch’er lavoro nun ce l’hanno,

o sò pagati in nero o de straforo,

li penzionati, e no a penzioni d’oro,

a festeggià, de certo, nun ce vanno.

 ***

A Roma è er giorno der granne concerto,

lì a San Giovanni o fava e pecorino,

pe chi va a fà ’na gita a lo scoperto.

 ***

Volesse mai er Padrone der destino

fà dono a tutti de un lavoro certo,

come fa sorge er Sole der matino.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. È er primo maggio: festa der lavoro,
    de chi tribbola e sgobba tutto l’anno,
    de chi se suda er posto co l’affanno,
    pe un po’ de pane e un sorzo de decoro. … (continua)

    Comment di Stefano — 1 Maggio 2015 @ 07:58
  2. “Volesse mai er Padrone der destino
    fa’ dono a tutti de un lavoro certo,
    come fa sorge er Sole der matino”
    Magnifica terzina a chiude’ un bellissimo sonetto, dedicato a sta giornata de commemorazzione più che de festa.
    Er vero significato de sta giornata è ormai travisato. M’aricordo quanno, de regazzino, a casa mia era ricordata ‘n segreto, perché er 1° maggio era clandestino: se festeggiava er lavoro “fassista” er 21 aprile, cor natale de Roma.
    Propio perché era clandestina, sta giornata m’è arimasta ‘mpressa e, sur motive der Nabucco ancora canto:

    Vieni Maggio ti aspettan le genti,
    ti salutano i liberi cuori.
    Vieni Pasqua dei lavoratori,
    vieni e sorgi alla luce del Sol
    alla luce del Sol.
    Innalzate le mani incallite
    che sia fascio di forze fecondo
    noi vogliamo redimere il mondo,
    dai tiranni dell’ozio e dell’or.
    ……..

    Comment di 'svardoASR'29 — 1 Maggio 2015 @ 09:13
  3. Ma tanti ch’er lavoro nun ce l’hanno,
    o sò pagati in nero o de straforo,
    li penzionati, e no a penzioni d’oro,
    a festeggià, de certo, nun ce vanno”: quanto sono veri questi versi! I nostri governanti si dovrebbero vergognare, loro questo problema non ce l’hanno!
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 1 Maggio 2019 @ 17:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>