Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Maggio 2015

EXPOngo un’idea

EXPOngo un’idea

***

Sarà der qualunquismo popolare

o puro distillato d’utopia,

‘na goccia che svapora in fantasia,

ma nun è fatto a gocce tutto er mare?

***

Arivo ar dunque de ‘sta mia follia:

bello l’Expo, così spettacolare,

ma visto ch’è de cibo er suo esemplare,

perché nun fà concreta questa via?

***

Mannà aiuti a quela pora gente

ch’ha perzo tutto pe quer teremoto

ch’ha sconquassato er Nepal interamente.

***

È quer che serve pe arimette in moto

un popolo che ormai è aridotto ar gnente,

e ‘st’EXPO prennerebbe quarche voto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Sarà der qualunquismo popolare
    o puro distillato d’utopia,
    ‘na goccia che svapora in fantasia,
    ma nun è fatto a gocce tutto er mare? … (continua)

    Comment di Stefano — 4 Maggio 2015 @ 09:03
  2. Questi grandi eventi sono pensati, decisi e realizzati per far muovere quattrini e non certo per aiutare gratuitamente dei poveri disgraziati!!!

    Comment di Silvio — 4 Maggio 2015 @ 10:15
  3. Sarebbe un’ottima idea mandare cibo a chi non ha da mangiare, invece di continuare a imbottire le pance di chi mangia già troppo! Ma figuriamoci!

    Comment di letizia — 4 Maggio 2015 @ 11:26
  4. Scusate se ”m’arifaccio spesso a li vecchi detti popolari o proverbi, ma er detto campione de l’egoismo umano è: ” Panza piena nun penza a quella vòta.
    Sopra l’EXPO ce hanno magnato (arubbanno) ‘n fase de proggettazzione, ‘n fase de costruzzione e mo’ ce deveno da magna’ ancora; nun sarebbe, seconno loro,’na mossa saggia quella de da’ corpo a certi sogni utopistici.

    Comment di 'svardoASR'29 — 4 Maggio 2015 @ 13:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>