Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Maggio 2015

Er venerdì “tronca” la settimana

Er venerdì “tronca” la settimana

***

E menomale, e menomale sì,

sta cosa, armeno, nun se pò toccà,

pe quanto se potrebbero inventà,

 oggi arimane sempre venerdì.

***

Pe questo me viè voja d’accentà,

usà le tronche, come queste qui,

perché è come dà un tajo o definì

che chiudo er conto co l’infamità.

***

Nun credo varga solo che pe me

ch’er venerdì è er giorno che sto su,

già solo che me svejo e pìo er caffè.

***

E come Giotto fece co la “O”

mó chiudo er cerchio e nun lo dico più,

adoro er venerdì, finchè vivrò.

 ***

Stefano Agostino

***

  1. E menomale, e menomale sì,
    sta cosa, armeno, nun se pò toccà,
    pe quanto se potrebbero inventà,
    oggi arimane sempre venerdì. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Maggio 2015 @ 08:28
  2. Co sti tempi che coreno, nun ce scommetterei che er venerdì arimane sempre e solo venerdì; abbasta ‘n decreto de sto governo d’a malora e er venerd’, come d’incanto, addiventa lunedì.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 22 Maggio 2015 @ 17:16
  3. Ma tu pensa se per tutta la settimana fosse lunedì!……..ahahahah.

    Comment by letizia — 22 Maggio 2015 @ 19:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>