Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

8 Giugno 2015

Mafia capitale

Mafia capitale

***

Storiaccia infame è faje un complimento,

a quella de ‘sta “mafia capitale”,

che a penzacce bene quer “pitale”

in desinenza è degno complemento.

***

Fatti de ‘na monnezza micidiale,

‘no schifo senza fonno e fonnamento,

in un sistema ladro a soffià er vento

tra ommini votati ar criminale.

***

Tra affari e ‘na politica de appàrti

de un puzzo de corotto e tra l’olezzo

de un denaro sporco e strani incarti …

***

… la chiameno così: “tera de mezzo”

quella ‘ndó regna er gioco de ‘ste parti,

quelle pe cui ‘gni cosa cià er suo prezzo.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. Storiaccia infame è faje un complimento,
    a quella de ‘sta “mafia capitale”,
    che a penzacce bene quer “pitale”
    in desinenza è degno complemento. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 Giugno 2015 @ 09:52
  2. E’ ‘na vera ‘nfirtrazzione mafiosa ner tessuto politico d’a città. Ogni corente n’è affetta. Poi se lamenteno si so’ pochi e soliti, quelli che ancora vanno a vota’. Cmq nun credo che ariescheno a fa’ pulizzia completa de ste merde, perché ce sta de mezzo pure chi, p’a maggistratura, è ‘ntoccabbile.

    Comment by 'svardoASR'29 — 8 Giugno 2015 @ 12:18
  3. Che brutta storia! Dovrebbero essere tutti carcerati e poi condannati ai lavori forzati con la palla di ferro ai piedi.
    Mi piace tanto il pensiero del giorno.

    Comment by letizia — 8 Giugno 2015 @ 13:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>