Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Giugno 2015

Dar Vangelo der giorno: “Gesù doma la tempesta”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù doma la tempesta”

***

Quanno fu sera: “Annamo a l’artra riva”,

je disse a li discepoli, Lui in testa,

salì su in barca e ecco ‘na tempesta 

che guasi guasi in pieno li corpiva.

***

Er tempo d’accucciasse e s’aridesta

pe l’urla de l’intera commitiva:

“Maestro, nun te ‘mporta che se viva?”

je fecero co un’aria de protesta.

***

Gesù ordinò a quer punto a mare e vento:

“Carmateve”, eppoi se mise a sede,

e tutto se fermò in quer momento.

***

“Che ommini de quanta poca fede?”

– rivorto a li discepoli in sgomento –

“Nun cià d’avé paura chi in Me crede”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Quanno fu sera: “Annamo a l’artra riva”,
    je disse a li discepoli, Lui in testa,
    salì su in barca e ecco ‘na tempesta
    che guasi guasi in pieno li corpiva. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Giugno 2015 @ 07:51
  2. Bello e impegnativo er Vangelo de oggi: La Fede.
    Senza fede nun se va da nisuna parte e, quella ‘n Cristo, te da ‘na carica ‘n più. Tante vòrte m’è capitato de penza’ d’esse’ arivato a nun faccela più, ma cor penziero arivòrto ar Signore ho ricominciato, sopportanno, a anna’ avanti.
    ESTATEve carmi, credete e ariverete.

    Comment di 'svardoASR'29 — 21 Giugno 2015 @ 09:47
  3. Giovanni Paolo II diceva che la “Fede è un Dono di DIO”! Ma, a volte, in certi frangenti, dimentichiamo di averla.
    Buona estate a tutti!

    Comment di letizia — 21 Giugno 2015 @ 10:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>