Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

2 Luglio 2015

Traggedia greca

Traggedia greca

 ***

Se sa che la curtura der sospetto

de chi ce campa de dietrologgia,

pò fà più danni de ‘na malatia

de quelle grosse cor contaggio infetto.

***

Ma a vorte quer sospetto che te pìa

finisce che nun sbaja, anzi è perfetto,

e ‘sto mio raggionà è pe difetto,

in de ‘sti tempi de cojoneria.

***

Me riferisco a l’euro e ar fatto greco,

sicuro che sarebbe ‘na traggedia

si esce la Grecia e l’artri fanno eco?

***

O fórze co l’aiuto de li media

è un modo de strippà, eppure bieco,

 de chi manovra fili a ‘sta commedia?

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Se sa che la curtura der sospetto
    de chi ce campa de dietrologgia,
    pò fà più danni de ‘na malatia
    de quelle grosse cor contaggio infetto. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Luglio 2015 @ 08:22
  2. Dietro a tantissime manovre c’è sempre un burattinaio che tira i fili, per i propri comodi.
    Buona giornata

    Comment by letizia — 2 Luglio 2015 @ 10:59
  3. Il ritprno a: Cermania uber alles.

    Comment by 'svardoASR'29 — 3 Luglio 2015 @ 00:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>