Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Luglio 2015

Estate sur mezzo pubblico

Estate sur mezzo pubblico

 ***

Me chiedo: un pochettino de sapone,

se propio nun se pò, un deodorante,

quarcosa contro er puzzo più asfisiante

de te sur mezzo pubblico in azzione …

***

… che ciài l’ascella a piagne, imbarazzante,

er tanfo de sudore de staggione,

‘na doccia, no? È antica tradizzione,

‘no sciampo? Pare brutto eppoi è sfibbrante.

 ***

Ché quanno che me s’apreno le porte

e sargo lì che sto senza penziero,

entro e c’è “Zyklon B”, rischio de morte.

***

Prima che scenno so’ a respiro zero,

ma si me dice bene e bona sorte

che esco vivo, vado a accenne un cero.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Me chiedo: un pochettino de sapone,
    se propio nun se pò, un deodorante,
    quarcosa contro er puzzo più asfissiante
    de te sur mezzo pubblico in azzione … (continua)

    Comment by Stefano — 3 Luglio 2015 @ 08:25
  2. L’Estate sui mezzi pubblici è come un girone dell’inferno, non vedi l’ora di scendere. Che poi certe persone hanno un tipo di pelle che puzza anche se si lavano!
    Buona Giornata e, se possibile, meglio andare a piedi!

    Comment by letizia — 3 Luglio 2015 @ 09:53
  3. A Stè ma nun t’hanno informato ‘sti scienziati dell’Atac? Stanno a offrì ar cittadino ‘n corso gratuito de apnea… ahahahahah!!!

    Comment by Silvio — 3 Luglio 2015 @ 09:54
  4. Bon pomeriggio de sole e de sòle, attenti a st’urtime.
    Sonetto che capita propio a faciolo: era ‘n sacco de trempo che nun pijavo li mezzi de traporto d’a Roma Lido e i busse pe le vie de Roma.
    Oggi m’è capitato de przenne er trenino a Acilia, puntuale, ma già ‘n fiumana de gente a spigne. Ho trovato ‘na perzona anziana che m’ha lassato er posto, li gioveni aveveno da guarda’ le pareti d’a galleria. A mezza strada ho ridato er posto la signora, perché nun se poteva respira’ d’a callaccia che c’era dentro a la ” FECCIA DER MARE”, si, quella ‘nventata da Vertroni. armeno, ‘n piedi, quarche refolo d’aria arivava. Preso er 3/B, peggio ch’annà de notte e nun ve sto a di’ cor 780. Aer ritorno so’ stato costretto a prenne ‘n taxì, approfittanno de uno che passava ar volo. Alle 12,05 ripreso er trenino pe Acilia ch’è partito alle 12,30. Hazz, e meno male che ‘mprota ha detto che ha da diventa’ come ‘na metroplitana. Posti classicamente occupati da gioveni diretti ar mare e m’ha so’ fatta tutta ‘n piedi. Un meno giovine de 85anni cor bastone. Ortre a la puzza, a l’orari a coso de cane, pure ‘a crassa ‘gnoranza d’a gioventù (quella der Littorio è acqua passata, ma c’è stata e m’o ricordo.)

    Comment by 'svardoASR'29 — 3 Luglio 2015 @ 17:08
  5. Me sa che er penziero der giorno provie’ da giusta suspicione.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 3 Luglio 2015 @ 17:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>