Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 Luglio 2015

Ha vinto er “NO”

Ha vinto er “NO”

***

Democrazzia, si mente nun me ‘nganna.

vor dì accettà, senza ‘na rimostranza,

che quer che dice e fa la maggioranza

diventa legge, er popolo comanna.

***

Perciò capisco poco la lagnanza

de mezza Europa, senza córpi in canna,

cor “NO” ch’ha vinto in Grecia che l’accanna

a l’euro e a la gran “troika” sudditanza. 

***

Nun sta a pagà “l’austerity” ch’è imposta

da anni verzo Stati de l’Unione

e quella greca è solo la risposta …

***

… der popolo che ancora fa nazzione

ch’ha detto “NO” a l’euro e a quanto costa,

stanco de fà la fame e stà ar barcóne.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Democrazzia, si mente nun me ‘nganna.
    vor dì accettà, senza ‘na rimostranza,
    che quer che dice e fa la maggioranza
    diventa legge, er popolo comanna. … (continua)

    Comment di Stefano — 6 Luglio 2015 @ 08:55
  2. Il Popolo Greco si è ribellato alla tirannia dell’austerity: ma ora che succederà, visto che le banche si tengono stretti i loro soldi a danno dei poveracci? Staremo a vedere.

    Comment di letizia — 6 Luglio 2015 @ 09:46
  3. L’avranno capito a Bruxelles, Berlino, Lussemburgo, Francoforte, Strasburgo e Parigi che l’Europa così com’è non funziona? L’avranno capito che la vera integrazione non può essere imposta con minacce e ricatti???

    Comment di Silvio — 6 Luglio 2015 @ 10:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>