Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Luglio 2015

L’omo su Plutone

L’omo su Plutone

***

Che strano l’omo: rotta su Plutone,

e vò abbità su Marte, er disco rosso,

sapé de l’Univerzo, perché mosso

da voja de Infinito e da passione.

**

Ma poi nun riesce, e è un vero paradosso,

a governà la Tera, co raggione,

penzà ar pianeta e a la popolazzione,

e dì che nun è un monno così grosso.

***

La sonna su Plutone: comprimenti,

un viaggio de dieci anni e che fortuna

pe noi poté godé de ‘sti momenti.

***

Vabbè, Saturno, Giove, Sole e Luna,

ma a penzà a la Tera, fra ‘ste menti,

ce n’è rimasta ancora armeno una? 

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Che strano l’omo: rotta su Plutone,
    e vò abbità su Marte, er disco rosso,
    sapé de l’Univerzo, perché mosso
    da voja de Infinito e da passione. … (continua)

    Comment di Stefano — 14 Luglio 2015 @ 08:50
  2. Quello che dici è proprio vero! Capisco che l’uomo ha sempre avuto voglia di scoprire nuovi mondi, ma perché prima non “scopriamo” la Terra e cerchiamo di migliorarla invece di distruggerla come già stiamo facendo!?

    Comment di letizia — 14 Luglio 2015 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>