Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Agosto 2015

Er Mascherone – La Bocca de la Verità

Er Mascherone – La Bocca de la Verità

***

Te sgama già da quanno sei a distanza,

te fa co l’occhi ’na radiografia,

co quelo sfreggio in faccia dà aritmia,

ner mentre t’avvicini e er passo avanza.

 ***

Barbuta e tonna, scarto d’osteria,

sta pronta a bocca aperta e a tutta panza,

a mordete la mano si hai bardanza,

de stà a appoggialla lì e dì ’na bucìa.

 ***

Così che se tramanna a fà memoria,

’sta storia co cui er caro “Mascherone”,

c’è annato avanti e cià vissuto in gloria.

 ***

Ché in fila c’è er turista d’occasione,

pronto a infilà la mano, dì ’na storia,

speranno nun je resti un mozzicone.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Te sgama già da quanno sei a distanza,
    co l’occhi te fa ’na radiografia,
    co quelo sfreggio in faccia dà aritmia,
    ner mentre t’avvicini e er passo avanza. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Luglio 2015 @ 15:50
  2. Se fosse vero che morde, i nostri governanti sarebbero tutti monchi!
    Buona giornata!

    Comment di letizia — 11 Agosto 2015 @ 11:33
  3. Bongiorno, l’aria pare arifrescata, de poco, ma se pò sta senza condizzionatore.
    Bongiorno Letizia, dici che i nostri governanti sarebbero tutti monchi? No! So’ troppo furbi e la mano cor cavolo che ce la metterebbero.

    Comment di 'svardoASR'29 — 11 Agosto 2015 @ 12:05
  4. Questo sonetto e’ un capolavoro, un sollucchero in rima, un baba’ ripieno di arguzia. Chapeau, signori, standing ovation per il nostro Poeta

    Comment di pablo bighorn — 13 Agosto 2015 @ 19:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>