Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

5 settembre 2018

Er Pantheon

Er Pantheon

***

A Roma è un’espressione popolare:

“Ma dimme er Pantheon, no la Rotonna!”

quanno che quarche lingua parla e sfonna,

facenno crede che ’na pozza è er mare.

 ***

Er Pantheon, compresa ’gni colonna,

nasce co l’èsse forma de un artare,

da ch’è sortito più rettangolare,

j’hanno incurvato l’angoli a ’gni sponna.

 ***

Fu mausoleo, pe trasformasse in chiesa,

mill’anni poi fu l’urtima dimora,

d’artisti e perzonaggi de gran resa.

 ***

E a oggi, quanno er Sole lo trafora,

da l’arto, come fosse cinepresa,

quer griggio secolare lo colora.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. A Roma è un’espressione popolare:
    “Ma dimme er Pantheon, no la Rotonna!”
    quanno che quarche lingua parla e sfonna,
    facenno crede che ’na pozza è er mare. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 luglio 2015 @ 15:52
  2. Un altro eterno simbolo di Roma nostra, che in questo caso incarna il perfetto connubio tra il laico e il sacro, tra architettura magistrale, arte e memoria storica dei padri della patria.

    Comment by Silvio — 5 settembre 2018 @ 10:03
  3. Solo a Roma si possono ammirare queste bellezze!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 5 settembre 2018 @ 12:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>