Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

19 Agosto 2015

Via Veneto

Via Veneto

***

Via Veneto è ’no scatto da rivista,

de quelli a cui aritoccheno er colore,

chi è nato ricco nun se fa stupore,

pe chi c’è diventato è ’na conquista.

 ***

Percorza ar passo der rallentatore,

come passeggia er classico turista,

lei srotola la sua pomposa lista,

de posti posti apposta p’er signore.

 ***

Tra bar, “butic”, arberghi e ristoranti,

qui ’gni occasione è bona a fà vetrina,

pe attori, attrici, “vippes” e cantanti.

 ***

E chi nun potrà mai stà in copertina,

perché nun cià né carte e né contanti,

guarda la “dorcevita” in cartolina!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Via Veneto è ’no scatto da rivista,
    de quelli a cui aritoccheno er colore,
    chi è nato ricco nun se fa stupore,
    pe chi c’è diventato è ’na conquista. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Luglio 2015 @ 15:59
  2. Bon pranzo. Chi “nun cià né carte we né contanti”, ce va a fa’ er fannullone.

    Comment by 'svardoASR'29 — 19 Agosto 2015 @ 10:53
  3. Quando ero ragazzina, nel mio immaginario Via Veneto era come l’Eldorado!
    Buona giornata bagnata!

    Comment by letizia — 19 Agosto 2015 @ 11:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>