Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

22 Agosto 2015

Er Circo Massimo

Er Circo Massimo

***

Da quanno er Re, che fu Tarquigno Prisco,

l’ha edificato, sott’ar Palatino,

ner punto esatto der ratto sabbino,

’sto posto nun ha mai cambiato disco.

 ***

Da allora, in sparti, a oggi, ch’è un giardino,

da li sesterzi a annà a l’odierno fisco,

è sede de spettacoli e, finisco,

ritrovo ’ndó se canta e fa casino.

 ***

È er punto ’ndove affioreno ricordi,

de cori, fiamme accese e de concerti,

de clacson, de trombette e de bagordi.

 ***

Bandiere ar vento e tetti già scoperti,

de notti inzonni, quelle che nun scordi,

de sogni giallorossi a occhi aperti.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

 

  1. Da quanno er Re, che fu Tarquigno Prisco,
    l’ha edificato, sott’ar Palatino,
    ner punto esatto der ratto sabbino,
    ’sto posto nun ha mai cambiato disco. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Luglio 2015 @ 16:03
  2. Bongiorno e bonsabato assolato a tutti …ops … non a tutti, meno a quelli che l’artro ieri hanno ‘nzozzato Roma a Don Bosco e a quelli che se so’ fatti ‘na dormita, ‘nvece de ‘nterveni’ a evita’ quer casino..
    Mejio torna’ a vede e legge le bellezze Roma; quelle che c’hanno lassato l’antichi.

    Comment di 'svardoASR'29 — 22 Agosto 2015 @ 07:17
  3. Cambianno argomento: vòi vede’ che er PSG libbera Dignè dopo Roma > Juve? Me sa che vò fa ‘n favore a la Juve, che je sta pe’ compra’ ‘n giocatore.

    Comment di 'svardoASR'29 — 22 Agosto 2015 @ 07:30
  4. Circo Massimo: luogo favoloso per noi Romanisti. Speriamo di poterlo riempire ancora!
    Buon Sabato amici cari!

    Comment di letizia — 22 Agosto 2015 @ 10:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>