Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Luglio 2015

Kepler, la Tera gemella

Kepler, la Tera gemella

***

Così che s’è scoperta un’artra Tera,

uguale a quella nostra, un po’ più vecchia,

un artro monno in cui l’omo se specchia

che cià colori e forma de ‘sta sfera.

***

È  “Kepler-452” s’orecchia

a nominalla tutta quanta intera,

un nome che a dì ‘na cosa vera

più che de un astro ne fa catapecchia.

***

Se penza pure che ce sia la vita,

un monno pari spiccicato ar nostro

un po’ distante, a dì, p’annacce in gita.

***

Me auguro, pe fà un po’ più er poeta,

che pure là però nun viva er mostro

ch’è detto “omo” e sta su ‘sto pianeta.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Così che s’è scoperta un’artra Tera,
    uguale a quella nostra, un po’ più vecchia,
    un artro monno in cui l’omo se specchia
    che cià colori e forma de ‘sta sfera. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 Luglio 2015 @ 10:00
  2. Leggevo notizie di questo pianeta qualche giorno fa. Bella scoperta! Non si sa se sia abitato, ma siccome pare che disti 14.000 anni luce dalla terra è molto difficile che l’homo sapiens lo possa deturpare (per lo meno, non subito)!
    Buon sabato!

    Comment by letizia — 25 Luglio 2015 @ 10:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>