Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

5 Settembre 2015

Trilussa – L’arrestato

L’arrestato

***

Ma queste sò magnere da burino!

Sì sì, vabbè, tu portame in questura,

ma lasseme la giacca. Che ciài paura?

Te credi d’arestà quarche assassino?

***

E che te spigni? L’anima? Cammino

come me pare! Mica c’è premura!

Si vòi che t’arispetti la montura,

tu fa’ la guardia, ch’io fo er cittadino.

***

E doppo dice che uno s’aribbella.

Vojo che me ce porti co le bone.

Dunque cammina e mosca! Oh questa è bella.

***

E abbada a te, mannaggia l’animaccia …

ché si me fo pijà la convurzione,

t’abbotto er grugno de cazzotti in faccia.

***

Trilussa

______________________

***

  1. Ma queste sò magnere da burino!
    Sì sì, vabbè, tu portame in questura,
    ma lasseme la giacca. Che ciài paura?
    Te credi d’arestà quarche assassino? … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Settembre 2015 @ 06:24
  2. Buongiorno e Buon Sabato bagnato!

    Comment di letizia — 5 Settembre 2015 @ 08:01
  3. Er tempo passa, ma ‘e relazzioni tra malavita e polizia aresteno sempre quelle. Er marfattore: “Aoh che spigni, mica so’ ‘n delinquente, che strapazzi come te pare; porteme rispetto”; Aoh, si nun te mòvi er rispetto t’o do a forza de sganassoni; si volevi da esse’ rispettato, nun dovevi mena’ a la vecchietta”. Poi ariveni i media e: “Poraccio, che je stanno a mena’? Ammazza aoh, sta polizzia abbasta che mena! Mica è stato già condannato! Solo dopo er processo e li ricorsi, se pò giudica si è corpevole”

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Settembre 2015 @ 09:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>