Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Settembre 2015

Vabbè, ma allora è ‘na perzecuzzione

Vabbè, ma allora è ‘na perzecuzzione

***

Vabbè, ma allora è ‘na perzecuzzione,

tornà così ‘gni vorta è stillicidio,

è un crimine ch’è guasi genocidio,

er lunedì e nun c’è impugnazzione.

***

Nun dico che te istiga ar suicidio,

ma te ne prova a dà ‘na spiegazzione,

mica so’ io che ciò ‘sto tormentone,

è lui che viè ‘gni sette a dà fastidio.

***

Ma dico, che te costa quarche vorta

de nun venì, fà un sàrto e cambià giorno,

vestitte a “venerdì”, pe dà ‘na svorta.

***

Ma quanno mai … preciso fai ritorno

‘gni domenica notte che te porta,

a martedì che te leva de torno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Vabbè, ma allora è ‘na perzecuzzione,
    tornà così ‘gni vorta è stillicidio,
    è un crimine ch’è guasi genocidio,
    er lunedì e nun c’è impugnazzione. … (continua)

    Comment di Stefano — 28 Settembre 2015 @ 08:24
  2. Bongiorno ‘n pò nuvoloso e ….. BONLUNEDI! Bello, st’ennesimo sonetto inneggiante ar LUNEDI. Vojo fa’ ‘na raccorta de tutti sti sonetti dedicati a sta FAVOLOSA giornata d’a settimana.

    Comment di 'svardoASR'29 — 28 Settembre 2015 @ 08:48
  3. E’ propio ‘n incubo, ahò è più brutto de ‘n debito ahahah!!!
    Però consoliamoci che cesserà di esistere dal nostro primo giorno di pensione… (campa cavallo…)!

    Comment di Silvio — 28 Settembre 2015 @ 09:34
  4. Le cose belle costano care: il lunedì da pensionati è magnifico, però siamo più vecchi, invece quello da lavoratori è meno bello, ma c’è la gioventù. Non si può avere tutto nella vita, contentiamoci.
    Buon Lunedì!

    Comment di letizia — 28 Settembre 2015 @ 10:06
  5. Er lunedì da pensionati è ‘na noia come l’antri giorni, pure si te dai da fa’, nun tieni più ‘o stimolo der tempo che passa, ma hai da fa’ ancora ‘n sacco de cose; ‘o cambierebbe volentieri co’ i lunedì de quanno lavoravo: nun me pesaveno pe gniente, pure si dovevo arimette in sesto ‘a testa, co’ le cose de come l’avevo lassate er sabbato a mezzogiorno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 28 Settembre 2015 @ 10:39
  6. Io ieri ho fatto “sega” al lavoro 😛

    Comment di principessa — 29 Settembre 2015 @ 11:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>