Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Ottobre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la cruna dell’ago”

Dar Vangelo der giorno: “la cruna dell’ago”

***

“Maestro seguo li commannamenti,

che artro devo fà?” – Je chiese un tale:

“Va’ e venni quer che ciài, pe quer che vale,

e dàllo a li poracci tra li stenti”.

***

Così Gesù e quello la piò male

e se n’annò tra li ripenzamenti.

Gesù ariprese: “State bene attenti,

ch’er ricco in Paradiso nun ce sale.

***

Più facile che passi un gran cammello

indentro pe la cruna inzù dell’ago,

che un ricco sarga ar Regno, poverello!”

***

“E chi se sarverà?”, co tono vago,

je chiesero e arispose: “Questo è quello

che pò fà Dio e nessun omo mago!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. “Maestro seguo li comannamenti,
    che artro devo fà?” – Je chiese un tale,
    “Va’ e venni quer che ciài, pe quer che vale
    e dàllo a li poracci tra li stenti”. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 Ottobre 2015 @ 09:28
  2. “…………….“Questo è quello
    che pò fà Dio e nessun omo mago!”
    Quindi nun vargheno acquisizioni dispensate, previo obolo, pe Messe e suffragiConta quello che semo guadambiati ‘n vita: er resto è muffa.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 11 Ottobre 2015 @ 16:08
  3. “E’ difficile entrare nel Regno di Dio”! Ma cerchiamo di fare il possibile per seguire questo Vangelo.
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 14 Ottobre 2018 @ 11:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>