Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Ottobre 2020

La doppia ora

La doppia ora

***

Er tempo quanno mai aritorna indietro,

né mai se ferma e manco mai s’aresta,

ma un’eccezzione sola c’è, ch’è questa,

de l’ora che pe un’ora torna addietro.

***

Stanotte pe le tre ‘gni mente desta,

si guarda l’orologgio, fronte ar vetro,

vedrà quele lancette tornà retro,

de un’ora esatta, senza dà de testa.

***

Vabbè, lo so,  è un’immagginazzione,

me piace assai penzà a ‘sta doppia ora,

come si er tempo desse un’occasione.

***

Sta a noi sfruttalla, prima che se sfora,

ma er fatto è che ‘gni vorta, da cojone,

sto già a dormì e me svejo quann’è aurora.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

  1. Sarve e bon sabato a tutti. Pe’ quanto ariguarda er cambio dell’ora, tanto pe nun sbajamme, sposto ‘e lancette prima d’anna’ a dormi’, cosi me svejo già cor nòvo orario.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 28 Ottobre 2017 @ 10:57
  2. Er tempo quanno mai aritorna indietro,
    né mai se ferma e manco mai s’aresta,
    ma un’eccezzione sola c’è, ch’è questa,
    de l’ora che pe un’ora torna addietro. …

    Comment by Stefano — 24 Ottobre 2020 @ 09:56
  3. Il cambio dell’ora è veramente un gran rottura di scatole!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 24 Ottobre 2020 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>