Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Ottobre 2021

Dar Vangelo der giorno: “er cèco de Gerico”

Dar Vangelo der giorno: “er cèco de Gerico”

***

Er cèco Bartimèo, fìo de Timèo,

ch’era lungo la strada, mendicanno,

sentì passà Gesù e co l’affanno,

lì cominciò a strillà, tra quer corteo …

***

“De Davide sei Fìo”, disse tremanno,

“abbi, Gesù, pietà de me, so’ reo”,

e Lui che lo sentì: “Viè, Bartimèo”

e quello scattò in piedi de rimanno.

***

 “Che vòi faccia pe te”, Gesù je chiese,

“Oh, Rabbunì, che io veda de novo”,

rispose er cèco, co le mano tese.

***

“Mó va’ che la tua fede t’ha sarvato”,

fece Gesù: “In te ce l’aritrovo”,

e Bartimèo ce vide e fu sanato.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Gesù apre gli occhi del cieco, che riacquista la vista e Lo segue pieno di gioia.
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 25 Ottobre 2015 @ 15:52
  2. Er cèco Bartimèo, fìo de Timèo,
    ch’era lungo la strada, mendicanno,
    sentì passà Gesù e co l’affanno,
    lì cominciò a strillà, tra quer corteo …

    Comment by Stefano — 24 Ottobre 2021 @ 07:10
  3. Bartimeo non era nato cieco, ma lo era diventato nel momento in cui aveva perduto il rapporto con Dio! Come il cieco del Vangelo anche noi non possiamo guarire, se prima non ci risolleviamo dalla condizione spirituale in cui ci siamo caduti!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 24 Ottobre 2021 @ 13:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>