Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Gennaio 2016

2279 + 1

2279 + 1

***

Sto a meno mille guasi dar Sor Belli,

intenno dì de li sonetti scritti,

pe nummero, nun certo pe diritti,

li mia a paragone sò stornelli.

***

E a quelli a dì: “Vabbè,  ma quanno affitti ?!?”,

e nun sò pochi co ‘sti ritornelli,

io j’arisponno, senza usà tranelli,

che io nun mollo qua e resteno zitti.

***

E si er Signore vole er quanno e ‘ndove,

io provo a scrive come Roma incanta,

e quest’è l’obbiettivo che me move.

***

Si er Belli quinni fa ‘sta cifra tanta

dumila e ducen-settantanove,

io punto a li dumil-ducent’ottanta.

 ***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Sto a meno mille guasi dar Sor Belli,
    intenno dì de li sonetti scritti,
    pe nummero, nun certo pe diritti,
    li mia a paragone sò stornelli. … (continua)

    Comment di Stefano — 29 Gennaio 2016 @ 08:50
  2. Sei giovane, hai tempo, talento e voglia di sonettare in termini quantitativi più del maestro Belli. Come il nostro Capitano che ha battuto tutti i record dei gol realizzati. Ci sarà poi qualcuno della futura generazione che si sforzerà di superarti!

    Comment di Silvio — 29 Gennaio 2016 @ 10:04
  3. Daje che ce la fai! Questo è il mio augurio!!!!!!!!
    Buon Venerdì.

    Comment di letizia — 29 Gennaio 2016 @ 10:18
  4. Bongiorno, ber sonetto de perseveranza. Se dice: “Boja a chi molla”, e te nun hai da molla’.
    Se scrive a seconna de come se sta co l’animo, e pò pure capita’ che ‘n dato momento te vie’ da scrive ‘n quacosa mejo der Belli, magara pure de ….. Stefano Agostino.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 29 Gennaio 2016 @ 12:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>