Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Marzo 2016

Domanna su Gesù

Domanna su Gesù

***

Gesù  (me faccio spesso ‘sta domanna),

si fusse nato oggi, anziché allora,

er Messia nun se sa chi è finora,

je crederebbe io der tutto, a canna?

***

Ar “Fìo de Dio” ch’ha da venì ancora,

si fusse a predicà la stessa “Manna”,

nun penzerebbe a uno che me inganna,

ché nun pò esse oggi er tempo e l’ora?

***

Cristianità e antica Tradizzione,

Sacre Scritture e Chiese e Storia e Croce

m’hanno aiutato a crede in Lui e a dà sprone.

***

Ma in tempo in cui, ormai, c’è babbo e  “babba”,

si arivasse oggi a la Sua Voce,

preferiressimo sarvà Barabba!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Gesù (me faccio spesso ‘sta domanna),
    si fusse nato oggi, anziché allora,
    cioè der Messia nun se sa chi è finora,
    je crederebbe io der tutto, a canna? … (continua)

    Comment di Stefano — 24 Marzo 2016 @ 06:27
  2. Bongiorno, si ce n’è ancora quarcuno. Ber sonetto e ben’articolato che ce fa entra’ ner penzatoio. Seconno me, se er tempo der Messia fosse stato oggi, avrebbe fatto presa ne l’animo de la gente umile, com’è successo 2016 anni fà ma, come allora (oggi co li babba e mammo), se sarebbe sarvato ancora Barabba.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 24 Marzo 2016 @ 10:22
  3. Bel sonetto! E’ una domanda che spesso mi sono fatta: come mi sarei comportata? E con questo pensiero auguro a tutti un Buon Giovedì Santo!

    Comment di letizia — 24 Marzo 2016 @ 11:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>