Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

Dar Vangelo der giorno:

“Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

***

Maria de Magdala, de bon mattino,

annò ar Seporcro, ma se diede aresto

quanno vide la pietra, ar bujo pesto,

era de lato, ar tumulo, vicino. 

***

Corze da Pietro e da Giovanni: “Presto”,

venite hanno portato via er Divino”,

Giovanni più de fretta, arivò inzino,

a l’uscio de la tomba, ancora mesto.

***

Pietro, che giunze giusto poco dopo,

pe primo entrò ar Seporcro vòto e er Telo

lo vide aripiegato, nun più a l’uopo.

***

Giovanni entrò anche lui e ebbe misura,

de fronte a quela scena e a quer gran Velo,

d’avé compreso, allora, la Scrittura.

  ***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Maria de Magdala, de bon mattino,
    annò ar Seporcro, ma se diede aresto
    quanno vide la pietra, ar bujo pesto,
    era de lato, ar tumulo, vicino. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Marzo 2016 @ 16:44
  2. Lode a te Gesù mio, buona S. Pasqua

    Comment by laura — 27 Marzo 2016 @ 08:18
  3. Dio è risorto e noi con LUI!
    Buona S. PASQUA!

    Comment by letizia — 27 Marzo 2016 @ 11:32
  4. BUONA PASQUA A TUTTI. Credenti o no. L’ovile è grande e può ospitare tutte le pecore smarrite nel mondo.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 27 Marzo 2016 @ 13:17
  5. “Vide e credette”.
    Cosa vide?
    Perché credette?
    Il mistero della Pasqua, in fondo, è tutto in queste tre parole.
    Buona pasqua a tutti

    Comment by Pablo Bighorn — 27 Marzo 2016 @ 13:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>