Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 Aprile 2016

PANAMAssa de ladri

PANAMAssa de ladri 

***

“Panama Papers”, sò così chiamati

li documenti, puri e origginali,

su società … dicheno li giornali

“off-shore”, de delinguenti conclamati …

***

… che evadeno le tasse nazzionali

(e parlo qui ar plurale, ossia de Stati)

a trasferì li sòrdi accumulati,

in paradisi laici e più fiscali.

***

E spunteno li nomi artisonanti

gente famosa e ommini ar potere,

papponi co liquidità in contanti.

***

A fotte er monno ch’è senza frontiere

pe perzonaggi celebbri e importanti,

a cui je brucia un attimo er sedere…

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. “Panama Papers”, sò così chiamati
    li documenti, puri e origginali,
    su società … dicheno li giornali
    “off-shore”, de delinguenti conclamati … (continua)

    Comment by Stefano — 6 Aprile 2016 @ 09:03
  2. Ogni giorno una vergogna nuova: più ne hanno e più ne vogliono a discapito di chi non ha neppure il minimo per vivere.
    Buona giornata!

    Comment by letizia — 6 Aprile 2016 @ 10:08
  3. Bongiorno. Ma che te vòi commenta’. Si se guardassero a lo specchio, nun saprebbero distingue’ qual’è ‘a faccia e qual’è er culo. Specie er nostro, abusivo, Presidente der Consijio de li minestrai.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 6 Aprile 2016 @ 10:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>