Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Maggio 2016

Dar Vangelo der giorno: “Osservate la Parola”

Dar Vangelo der giorno: “Osservate la Parola”

***

“Ché chi Me ama, osserva la Parola,

e a lui veremo er Padre Mio e Io”,

disse Gesù a l’Apostoli in avvio,

“chi nun l’osserva e nun ne fa mai scòla …

***

… è segno che nun ama invece Dio.

È er Padre che la invia e in Me se immola,

mannato come so’ da Lui, e è la sola

che va ascortata, eppoi er Padre Mio …

***

dopo de Me invierà er Conzolatore,

lo Spirito che ve dirà ‘gni cosa,

perciò abbiate Fede e no timore.

***

Che torno ar Padre, quinni, nun ve lede,

ma rallegrateve, lo dico a chiosa,

prima ch’avvenga e chi lo sa Me crede”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. “Ché chi me ama, osserva la Parola,
    e a lui veremo er Padre Mio e Io”,
    disse Gesù a l’Apostoli in avvio,
    “chi nun l’osserva e nun ne fa mai scòla … (continua)

    Comment by Stefano — 1 Maggio 2016 @ 07:34
  2. Proprio belli questi versi, Stefano. In poche righe hai spiegato tutto: “Noi verremo e prenderemo dimora presso di lui”.
    Buon mese e Buona Domenica!

    Comment by letizia — 1 Maggio 2016 @ 10:49
  3. Buon giorno e buon mese di maggio: il mese delle rose, dedicato alla Madonna. Come al solito bel sonetto dedicato al Santo Vangelo del giorno.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 1 Maggio 2016 @ 11:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>