Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Maggio 2016

Hitler inginocchioni

Hitler inginocchioni

***

Si questa è arte, allora io so’ Dante,

sto qui a parlà de “Hitler inginocchioni”,

vennuto pe ‘na cifra de mijoni,

come opera artistica importante.

***

Si quella è arte, semo tutti boni,

dar più erudito a quello più ‘gnorante,

a èsse artisti de fama tonante,

pe un pubbrico da vigna de cojoni.

***

Come se fa a daje un euro solo

a chi se ‘nventa oscenità a effetto,

ma è peggio chi le compra in quanto a dolo.

***

La riabbilitazzione der “baffetto”?

Stamme a sentì, cervello dato a nolo,

‘ste stronzate va’ a fàlle ar gabbinetto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Si questa è arte, allora io so’ Dante,
    sto qui a parlà de “Hitler inginocchioni”,
    vennuto pe ‘na cifra de mijoni,
    come opera artistica importante. … (continua)

    Comment di Stefano — 10 Maggio 2016 @ 08:18
  2. Questa cosa non la conosco: ma davvero c’è qualche scemo che ha pagato per questo? Portiamolo al manicomio, SUBITO.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 10 Maggio 2016 @ 13:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>