Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Settembre 2016

Callo, freddo e tiepido

Callo, freddo e tiepido

***

Ma come? Fin’a ieri a lamentatte

der callo inzopportabbile che ancora

te fa sudà co un puzzo che t’accora

e gireresti in slip co du’ ciavatte.

***

E oggi ar primo venticello fòra

ch’è fresco giusto er tempo ar caffellatte,

te sento borbottà ner salutatte

“ammazza si che freddo c’è a quest’ora”.

***

Seconno me tu te lamenteresti

pure der troppo tiepido comunque

ciavresti da ridì e obbieteresti.

***

Perché annanno a strigne, ar dunque ar dunque,

contento nun pòi èsse e sò pretesti

er tempo, er dove, er quanno, er chi e er quantunque.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ma come? Fin’a ieri a lamentatte
    der callo inzopportabbile che ancora
    te fa sudà co un puzzo che t’accora
    e gireresti in slip co du’ ciavatte. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 Settembre 2016 @ 08:26
  2. Io ho le idee chiare in proposito: amo il caldo e il sole!

    Comment by Silvio — 7 Settembre 2016 @ 09:47
  3. Bongiorno. Ma ando’ sta sto freddo? E’ solo er vento che abbassa ‘a temperatura, ché er sole ariscalla ancora e pure forte.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 7 Settembre 2016 @ 11:21
  4. Siamo sempre insoddisfatti di tutto: non ci contentiamo mai di come stiamo!
    Buona serata.

    Comment by letizia — 7 Settembre 2016 @ 19:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>