Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Ottobre 2016

Dar Vangelo der giorno: li servi inutili

Dar Vangelo der giorno: “li servi inutili”

***

L’Apostoli je chiesero: “Signore,

accresci in noi la fede!”, j’arispose:

“Si aveste fede, a voi, tutte le cose

v’obbedirebbero co gran fervore.

***

Come a ‘sto gelso a dije: “Tu e le rose,

vatte a piantà ner mare, fa’ er favore,

lui lo farebbe senza fà un rumore,

si aveste fede a anticchie in quanto a dose”.

***

E siate come servi che er padrone

sa che pò commannà e loro fanno,

senza pretenne grazzie ne l’azzione.

***

Anzi simmai voi dite de rimanno:

“Noi semo servi inutili” , a raggione,

ché aggischeno p’er fatto der commanno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. L’Apostoli je chiesero: “Signore,
    accresci in noi la fede!”, j’arispose:
    “Si aveste fede, a voi, tutte le cose
    v’obbedirebbero co gran fervore. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Ottobre 2016 @ 07:16
  2. “Siamo servi inutili, abbiamo fatto ciò che dovevamo fare”, pertanto è inutile gloriarsi, ma è giusto rimanere umili, perché sappiamo che è il Signore Dio che agisce in noi e ci guida.
    Buona Domenica e Buona Festa dei Nonni (per chi li ha)!

    Comment by letizia — 2 Ottobre 2016 @ 10:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>