Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Novembre 2016

La super-Luna

La super-Luna

***

Stasera ce sarà la super-Luna,

grossa, sprennente e tutta quanta intera,

che se potrà ammirà, ossia, se spera,

si er cèlo, quanno annotta, nun s’abbruna.

***

Viè pe la vicinanza Luna-Tera,

che come oggi nun ce n’è nessuna,

e in accoppiata, botta de fortuna,

la prima è piena, tutta tonna a sfera.

***

L’innamorati ponno prenne spunto

pe dasse un bacio sotto a quer chiarore

e a benedì l’affetto ch’ha congiunto.

***

Chi è solo invece e in cerca de un amore,

sott’a ‘sta Luna enorme pò a quer punto,

fà un ululato inzù da in fonno ar còre.   

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Stasera ce sarà la super-Luna,
    grossa, sprennente e tutta quanta intera,
    che se potrà ammirà, ossia, se spera,
    si er cèlo, quanno annotta, nun s’abbruna. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 Novembre 2016 @ 08:55
  2. Bongiorno e bòna Luna. Sonetto dedicato ar sogno de l’innamorati de ‘n tempo passato. Adesso, armeno è er penziero mio, associo er passaggio ravvicinato a li teremoti recenti, compreso l’urtimo in New Zeland. Se a distanza normale provoca le maree, cor passaggio ravvicinato smove la Tera ‘nfino a le viscere. Daje, speramo che er magnetismo terestre nun vince su quello lunare e questo sia solo ‘n passaggio ravvicinato. La Luna passa e va.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 14 Novembre 2016 @ 09:57
  3. Mah! Speriamo bene.
    Buon lunedì

    Comment by letizia — 14 Novembre 2016 @ 12:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>