Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Novembre 2016

Sai che c’è?

Sai che c’è?

***

Er “sai che c’è?” è più de un avvertimento,

preludio che te sta a arivà diretto,

quarcosa che nun va nemmanco detto,

tarmente è ovvio ne l’intennimento.

***

Ché un “sai che c’è?” a Roma è già un verdetto,

sei ito ortre lo sfracellamento,

hai fatto quarche cosa in quer momento,

ch’ha procurato ‘sta rivorta a effetto.

***

Ner “sai che c’è?” c’è tutto contenuto

l’invito che poi seguirà ar messaggio,

che chiude er dialogà più de un saluto.

***

Co un “sai che c’è” a Roma a te, sgargiulo,

te sto a indicà la strada pe quer viaggio

ch’hai da pià p’annattene affanculo!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Er “sai che c’è?” è più de un avvertimento,
    preludio che te sta a arivà diretto,
    quarcosa che nun va nemmanco detto,
    tarmente è ovvio ne l’intennimento. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Novembre 2016 @ 08:37
  2. E’ giusto una minaccia, manco tanto nascosta, ma quasi sempre bonaria e semi-ironica, tanto per far capire che uno non è stupido e che la pazienza c’ha un limite…

    Comment by Silvio — 22 Novembre 2016 @ 09:50
  3. Bellissimo! Dedichiamo un “sai che c’è?” a pinocchio, se lo merita!

    Per quanto riguarda il Pensiero del Giorno” è vero che siamo ancora secondi, ma non lo so se continueremo ad esserlo ancora per molto.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Novembre 2016 @ 10:32
  4. Bongiorno. Che ciò da di ….. ‘mbeh ….sai che c’è …… che m’associo ‘n toto, indi ar 100% (ciento pe ciento), co’Letizia, pure sur penziero der giorno.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 22 Novembre 2016 @ 10:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>