Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Dicembre 2016

Gente e Gentiloni

Gente e Gentiloni

***

L’incarico ch’è ito a Gentiloni,

famo a capisse, noi nun semo micchi,

nun sia pe dà er potere, e manco a spicchi,

a la solita massa de ‘mbrojoni.

***

Ché chi qui nun voleva “governicchi”,

e se levava ar NO da li cojoni,

nun è che pò trattacce da caproni

e riciccià tra giochi e tra giochicchi.

***

Che Gentiloni sia solo un passaggio

pe fà approvà la legge elettorale

e annà a votà così prima de maggio.

***

Nun ce se ‘nventi gnente d’anormale,

ch’er popolo sinnò trovi er coraggio,

de piavve a carci in culo anche a Natale.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. L’incarico ch’è ito a Gentiloni,
    famo a capisse, noi nun semo micchi,
    nun sia pe dà er potere, e manco a spicchi,
    a la solita massa de ‘mbrojoni. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Dicembre 2016 @ 08:27
  2. Arriva il …traghettatore!

    Comment by Silvio — 12 Dicembre 2016 @ 09:33
  3. Questi cosi fanno e disfanno solo per i loro sporchi affari: stiamo in campana!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Dicembre 2016 @ 11:24
  4. S’è trattato solo d’annisconne Renzi e arimpasta’ quer mucchio de perzone che se so’ ‘incollate ar c..o ‘e portrone. Mo’ co’ la scòla ce arovineno pure li regazzini. C’è poco da spera’; questi fin’a settembre, che matureno li vitalizzi, nun li sposti e, er sor Gentiloni, seguenno er tema: fiducia e poi fiducia; nun ce lo leveremo più da li ..j.ni.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 14 Dicembre 2016 @ 18:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>