Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Dicembre 2016

A Carlo

A Carlo

***

P’er granne attaccamento ar tuo lavoro,

esempio d’onestà e de diliggenza,

davero raro tra la diriggenza,

ma raro anche più der mejo oro.

***

Ner giorno esatto de la quiescenza,

ecchice qua a declamatte in coro

er nostro GRAZZIE a coronà d’alloro

la tua cariera cui ce lassi senza.

***

L’ufficio intero addetto a le sanzioni

già da domani nun sarà lo stesso,

lo sanno anche ‘sti muri e ‘sti stanzoni.

***

Ma nun penzamo a questo certo adesso

e festeggiamo te che te ‘mpenzioni,

tanto ‘ndó scappi, te venimo appresso!

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. P’er granne attaccamento ar tuo lavoro,
    esempio d’onestà e de diliggenza,
    davero raro tra la diriggenza,
    ma raro anche più der mejo oro. … (continua)

    Comment di Stefano — 14 Dicembre 2016 @ 08:09
  2. Auguri a Carlo, il kamikaze buono!

    Comment di Silvio — 14 Dicembre 2016 @ 09:42
  3. Io non lo conosco, ma ugualmente Tanti Auguri!

    Comment di letizia — 14 Dicembre 2016 @ 14:51
  4. Sempre auguri, de resta’ attivo, a chi va ‘n penzione. Daje ch’ancora se fa ‘n tempo a godesse, serenamente, ‘n ber pezzo de vita. Però, dato che li forcajoli se so’ stabbilizzati ar governo, la vedo nera pe chi è ‘n corza p’ariva’ a mla penzione.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 14 Dicembre 2016 @ 18:58
  5. Finarmente, dopo ‘n’assenza pe cause tecniche, me so’ messo ar pari co’ li commenti a li sonetti de Stefano.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 14 Dicembre 2016 @ 19:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>