Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Dicembre 2016

Che fai a Capodanno

Che fai a Capodanno?

***

“Che fai a Capodanno?” È ‘na domanna

che mette anzia come poche ar monno,

er tempo d’arisponne … ciài un seconno,

l’artro te scruta e la mente s’appanna.

***

Voresti fatte piccolo e giù in fonno,

sparì a quela presenza che te scanna,

ma hai da risponne e quello nun se ‘nganna

si j’aricconti frottole da tonno.

***

Ce penzi e ciaripenzi … che je dico?

Che ancora nun lo so, e che me ‘nvento,

“lo passo in compagnia de quarche amico” …

***

 – “Che bello, bravo” – a toje l’imbarazzo – 

lui t’arisponne  – “Bravo so’ contento!

Io invece nun ho organizzato un cazzo!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. “Che fai a Capodanno?” È ‘na domanna
    che mette anzia come poche ar monno,
    er tempo d’arisponne … ciài un seconno,
    l’artro te scruta e la mente s’appanna. … (continua)

    Comment di Stefano — 29 Dicembre 2016 @ 05:56
  2. Bonagiornata. Più che pensare dove andare per passare da ‘un anno all’altro; il pensiero va alla tragedia di Acilia (Dragoncello), dove hanno perso la vita una madre e la piccola figlia di 8 anni. Riposino in pace.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 29 Dicembre 2016 @ 08:41
  3. La mamma e la bimba di Acilia sono andate in un posto migliore anche se fa tanto dispiacere a tutti. Riposino in pace nel Cuore di Gesù.
    Al capodanno ci pensiamo dopodomani.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 29 Dicembre 2016 @ 12:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>