Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2017

Lunedì dopo le feste

Lunedì dopo le feste

***

Ce stanno lunedì che sò ar quadrato,

com’è quello a la fine de le feste,

che fà ammoscià e fa chinà le teste,

meno che ar pupo o fórze ar penzionato.

***

Ché de giornate peggio o pari a queste,

in cui sei stracco e manco te sei arzato,

te movi come un bradipo ‘mbriaco,

ce ne sò poche a l’anno così meste.

***

Già er lunedì lo navighi pe storto,

ma quanno viè così scambia la prua

co poppa e in mezzo ar mare t’ha arivorto.

***

E vedi l’acqua e la barchetta tua

in mezzo a cavalloni e senza un porto …

ma l’anima de li mortacci sua !!!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Ce stanno lunedì che sò ar quadrato,
    com’è quello a la fine de le feste,
    che fà ammoscià e fa chinà le teste,
    tranne fórze che ar pupo o ar penzionato. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 Gennaio 2017 @ 08:29
  2. Sintetizzerei l’intero componimento con la prima e l’ultima riga, pur restando ineccepibile tutto il suo contenuto…
    Bentrovati e buon anno a tutti!!!

    Comment by Silvio — 9 Gennaio 2017 @ 09:28
  3. Buona Giornata a tutti (anche se è lunedì)!!!!!!!!

    Comment by letizia — 9 Gennaio 2017 @ 09:44
  4. Bon giorno de ‘n lunedì assolato e freddo. E’ ‘na jattura pure ar penzionato, pòi sta tranquillo.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 9 Gennaio 2017 @ 12:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>