Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

21 Gennaio 2017

Angeli der ghiaccio

Angeli der ghiaccio

***

Sepórti da la neve e sotto ar ghiaccio,

nun c’è speranza, qui è finito tutto,

ancora un pianto, ancora un artro lutto

de quelli veri, no da mette ar braccio.

***

Ma Dio che sta ‘gni dove e dapertutto,

ciaveva un’artra idea pe ‘sto fattaccio,

riconzegnà a l’affetti de un abbraccio

chi era là sotto e cancellaje er brutto.

***

Così che grazzie a l’angeli der monno

co panni già da Viggili der foco

quela gente poraccia in un seconno …

***

… dar panico in cui stava pressappoco,

è sana e sarva e urlamo dar profonno 

un GRAZZIE a questi eroi, mica pe gioco.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Sepórti da la neve e sotto ar ghiaccio,
    nun c’è speranza, qui è finito tutto,
    ancora un pianto, ancora un artro lutto
    de quelli veri, no da mette ar braccio. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Gennaio 2017 @ 08:49
  2. Se pònno veramente chiama’: eroi; sta gente de li Viggili der Fòco. In qualunque situazzine danno er mejio de se stessi. E’ ‘n lavoro pieno de artruismo e, spesso, pericoloso pe la loro stassa vita. Tutto er corpo andrebbe premiato co ‘n riconoscimento armeno ‘n busta paga, ner mentre abbuscheno ‘no stipendio poco più ce de fame. Wiva i VIGILI DEL FUOCO ….. VV.FF.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 21 Gennaio 2017 @ 17:39
  3. Ce vai de fantasia o su cose vere
    ma léggete accusì me fa piacere…
    T’ho scoperto qui a momenti
    in tempo pè fatte i comprimenti!

    Comment di Alessandro — 1 Febbraio 2017 @ 10:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>