Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Gennaio 2017

La gnagnarella

La gnagnarella

***

Si scegne lenta, fina e poco fitta,

quer tanto giusto pe bagnà l’ombrella,

nun è ‘na pioggia, no, è ‘na gnagnarella,

e pe spiegattela te do ‘sta dritta.

***

Immaggina ‘na doccia … quant’è bella …

vabbè, ma nun penzà a com’è descritta,

intenno guarda ar getto che te “splitta”,

appena er rubbinetto la scodella.

***

La gnagnarella è tipica d’aspetto

che indentr’ar nome trova er suo formato,

pe come casca giù dar cèlo a getto.

***

Pare un ber piantarello … ma è scontato

ché gnagnarella ottiene già l’effetto,

ch’è er più onomatopeico mai inventato.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Si scegne lenta, fina e poco fitta,
    quer tanto giusto pe bagnà l’ombrella,
    nun è ‘na pioggia, no, è ‘na gnagnarella,
    e pe spiegattela te do ‘sta dritta. … (continua)

    Comment by Stefano — 24 Gennaio 2017 @ 08:09
  2. Sempre mejo la gnagnarella che er nubifragio, è un po’ fastidiosa ma tutto sommato innocua.

    Comment by Silvio — 24 Gennaio 2017 @ 10:05
  3. Bongiorno. Co’ ‘a gnagnarella ce pòi anna’ ‘n giro pure senza ombrella. Pòi passa’ ‘ntra ‘na goccia e ‘n’antra. si tieni er passo sverto manco te bagni.
    De norma: Ce piove a Roma? Si. Certi goccioloni!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 24 Gennaio 2017 @ 10:19
  4. A me la gnagnarella piace, mi da una certa aria di tenerezza, come se non ti volesse davvero bagnare, ma solo farti qualche carezza!
    Buona Giornata a tutti!

    Comment by letizia — 24 Gennaio 2017 @ 11:47
  5. Oh siiii anche me non bagna ma accarezza solo mlml la gnagnarella sulla patanella

    Comment by Giuliana — 24 Febbraio 2018 @ 12:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>