Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Marzo 2017

Che ventaccio

Che ventaccio

***

Li aveveno previsti e ciànno preso,

la pioggia forte e ‘sto soffià de vento

a imperverzà stanotte a cèlo spento,

a rennelo più cupo a effetto reso.

***

E stammatina qui chi sento sento

e devo dì che nun ne so’ sorpreso,

de riposà stanotte già s’è areso,

appena s’è sdrajato pe un momento.

***

E intanto er vento nun s’è più carmato,

e tira e fischia e sibbila ch’è troppo

puranche pe quer tal ch’ha riposato. 

***

Viè da nord-est, senza trovà un intoppo

e ce schiaffeggia mentra tira er fiato,

più che “scirocco” è vento da “sciroppo”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Li aveveno previsti e ciànno preso,
    la pioggia forte e ‘sto soffià de vento
    a imperverzà stanotte a cèlo spento,
    a rennelo più cupo a effetto reso. … (continua)

    Comment di Stefano — 7 Marzo 2017 @ 08:45
  2. E’ arrivata la bufera, è arrivato il temporale… parafrasando il celebre motivetto di Rascel, ‘sto tempaccio è la metafora del brutto momento della nostra AsRoma. C’è da soffrire amici!

    Comment di Silvio — 7 Marzo 2017 @ 10:00
  3. Sarve a tutti e bon pomeriggio, magara meno ventoso. Si nun me sbajio, questo è vento de tramontana e, se è vera ‘a leggenda, ha da soffia’ per tre giorni, sei o 9. Speramo che sta tramontana se ferma ar terzo giorno.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 7 Marzo 2017 @ 15:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>