Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Marzo 2017

S.O.S. per Viesci

S.O.S. per Viesci

***

Te parlo de un gioiello, un paesino

‘na frazzioncina in là de Leonessa,

ch’era un amore pe com’era messa,

curata com’er più mejo giardino.

***

Se chiama Viesci, ma nun è la stessa,

da quanno er teremoto da aguzzino

l’ha sconquassata in de ‘gni angolino,

e la ricostruzzione è ‘na promessa …

***

… de quelle da campagna elettorale,

artro che pe aiutà a rimette in piedi

come promesso prima de Natale.

***

Ché posti come Viesci, come vedi,

pe come sò aridotti e messi male,

sò da sarvà pe noi, no pe l’eredi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Te parlo de un gioiello, un paesino
    ‘na frazzioncina in là de Leonessa,
    ch’era un amore pe com’era messa,
    curata com’er più mejo giardino. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 Marzo 2017 @ 08:05
  2. Sono i piccoli paesini come questo il patrimonio artistico che noi italiani siamo chiamati a difendere e preservare, borghi medievali irripetibili. Gioiellini così pochissimi altri Paesi li possono vantare!

    Comment by Silvio — 14 Marzo 2017 @ 09:36
  3. Un paese che non conoscevo affatto distrutto dal terremoto: ma sicuramente i nostri governanti faranno di tutto per riportarlo a com’era prima anche migliorandolo, sono così bravi!

    Comment by letizia — 14 Marzo 2017 @ 12:36
  4. Bon pomeriggio. Ce so’ stato era ‘n gioiello ‘ncastonato ‘ntra l’antri gioiellini reatini. Ricostruzione? Ma quanno, co’ sti governi d’a malora.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 14 Marzo 2017 @ 16:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>