Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Aprile 2017

Tutti giù pe … guera

Tutti giù pe … guera

***

S’ha da guardà così le cose in faccia,

pe fasse du’ domanne su ‘sto monno,

in mano a quarche matto a tutto tònno,

che gioca a fà la guera o la minaccia.

***

Nun pare ce sia un saggio che un seconno

se fermi a aspettà er vento de bonaccia,

tra li capi de Stato e nun c’è traccia

de chi voja evità ‘sto finimonno.

***

Vabbè uno ce n’è, sta in Vaticano,

da mó che lo sta a dì “guera mondiale”

a pezzi, e je lo dice a còre in mano …

***

 … de dialogà cercanno de stà in pace,

ma a la comunità internazzionale

nun je ne frega gnente e, zitta, tace. 

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. S’ha da guardà così le cose in faccia,
    pe fasse du’ domanne su ‘sto monno,
    in mano a quarche matto a tutto tònno,
    che gioca a fà la guera o la minaccia. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Aprile 2017 @ 08:57
  2. A chi può giovare una guerra? con i mezzi di distruzione di massa che ci sono oggi, non credo che poi ci rimanga qualcuno a godersi il “mondo nuovo”. Che Dio ci aiuti!
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 18 Aprile 2017 @ 09:51
  3. Bondopotemporalequannescersole. Speramo che vada a fini’ cosi sta storia. Se s’avessero da ‘ntuzza’ sur serio nsai che macello? Me sa che nun ce sarà nisuno a aricontalla.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 18 Aprile 2017 @ 17:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>