Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Aprile 2017

primavERA GLACIALE

primavERA GLACIALE

***

Voi diteme si ve pare normale

‘sto tempo co ‘sto freddo a pieno inverno,

tre giorni fa era estate e er clima esterno

sembrava lujo e mó pare Natale.

***

Er cambio de staggione ner quaderno

de le cose da fà ar tempo pasquale

è rinviato, e vorei dì … è normale,

a quanno aprile tornerà ar governo.

***

Ché se sò spenti li termosifoni

ma menomale che sò ancora attivi,

coperte, co trapunte e co piumoni.

***

 Anche l’armadi ormai sò indicativi,

ma che vor dì che sò quattro staggioni?

Che immischi l’invernali co l’estivi.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Voi diteme si ve pare normale
    ‘sto tempo co ‘sto freddo a pieno inverno,
    tre giorni fa era estate e er clima esterno
    sembrava lujo e mó pare Natale. … (continua)

    Comment by Stefano — 20 Aprile 2017 @ 08:42
  2. Non solo gli umani, ma anche il meteo è impazzito. Fortuna che oggi c’è il sole!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Aprile 2017 @ 08:56
  3. Bongiorno. V’aricordo che sempre validi i detti: “Aprile, nun te scopri’!”; seguito da: “Maggio, va adagio”; e finarmente : “Giugno, opri er pugno”. St’aritornate de freddo, ner mese d’aprile, nun so’ ‘na novità e, pe’ l’appunto, li vecchi d’artri tempi ce hanno lasciato li proverbi che nun sbajeno mai.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 20 Aprile 2017 @ 12:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>